Autore Topic: Niente pale eoliche sul nostro appennino  (Letto 18596 volte)

Offline zorro

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.347
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
2014/15: 2 Stubai, 25 Abe, 7 S.ronda
2015/16: 31 Abe, 1 Doga, 1 Livigno
2016/17: 2 Stubai, 26 Abe, 2 S.ronda; 2 Andalo
2017/18: 24 Abe, 1 Stubai, 1 Kronplatz, 2 S.ronda, 1
Roccaraso
2018/2019: Abe 22, Doga 1, Selva 2, Cimo 1
2019/2020 M.di C. 2, Abe 10

Offline tommasone

  • Ogni sciatore necessita di una ragazza sciatrice e viceversa
  • Global Moderator
  • Divinità Montana
  • *****
  • Post: 8.056
  • Sesso: Maschio
  • Caaaata!
    • sciatore
    • Mostra profilo
    • Cazzeggia all'abetone
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #76 il: Agosto 30, 2012, 09:26:02 am »
articolo abbastanza triste, ma purtroppo m'immaginavo che sarebbe andata così una volta chiusi i rubinetti di pantalone
3 Park city, 3 Deer Valley, 2 The Canyons, 1 Brighton, 1 Snowbird, 1 Alta, 1 Solitude, 1 Bremboski, 2 Montecampione, 1 Valbondione, 1 Borno,  5 Abetone, 1 Doga e mi manca ancora il cimo!

Offline Skipass

  • Utente da pallate di neve
  • **
  • Post: 67
    • Mostra profilo
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #77 il: Agosto 31, 2012, 01:34:24 pm »

Offline GradyFaler

  • Utente da rifugio (pizzino e birra)
  • *
  • Post: 1
    • Mostra profilo
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #78 il: Aprile 15, 2014, 07:11:54 am »
per completezza questo è l'articolo di Repubblica che citava la Bea :

La Regione boccia i giganti del vento
11 ottobre 2011 —   pagina 1   sezione: FIRENZE

FABRIZIO Giovannini dice che non importa, perché «io ho le mie 100 chianine e di quelle campo». Delle royalties promesse dal business del vento che già pregustava lassù dai pascoli dell' Appennino ora il sindaco-pastore è convinto di poter fare a meno. «Mica m' avrebbero cambiato la vita i 40 o 50 mila euro delle macchine». Le macchine, come le chiama il primo cittadino di Badia Tedalda, eletto a governare il Comune aretino con il sigillo del Pdl, sono le 36 pale eoliche che la Geo Italia srl avrebbe voluto installarea cavallo fra Toscanae Emilia Romagna. IL PROGETTO per il parco eolico più grande del centro Italia subisce una brusca frenata. Dopo mesi di attesa, ieri il piano è stato bocciato in conferenza dei servizi. Quei 36 aerogeneratori alti 180 metri - un' altezza finora mai raggiunta dall' eolico nel nostro Paese- avrebbero prodotto un impatto devastante su uno dei paesaggi più delicati e affascinanti della penisola. Così si sono espressi il ministero dei Beni culturali guidato da Galan, le Regioni Toscana ed Emilia, 5 soprintendenze ai beni paesaggistici, 2 ai beni archeologici, la province di Arezzo e il Comune di Sestino, oltre alle Marche, interessate soprattutto all' impatto visivo dell' opera. Favorevoli le comunità montane e i tre Comuni direttamente interessati all' affare. Nei piani, 3 mega torri infatti dovevano correre sui crinali di Verghereto (Forlì, Cesena), 11 a Casteldelci (Rimini) e ben 22 a Badia Tedalda (Arezzo). Insomma, una gigantesca dorsale del vento da 120 Mw e 250 milioni di investimento per cui sarebbero stati necessari 14 chilometri di nuove strade nel territorio toscano, 28 interventi di allargamento e rafforzamento di arterie provinciali per il passaggio dei mezzi pesanti, oltre a 50 chilometri di cavidotto per il collegamento alla rete di Terna da realizzare nel comune di Badia Tedalda. Ad assestare lo stop decisivo in conferenza dei servizi è stata soprattutto la valutazione di impatto ambientale dei due uffici regionali. «Il prezzo da pagare per il territorio sarebbe stato fin troppo alto rispetto ai benefici. Il progetto era sovradimensionato. Da solo copriva quasi metà dei 300 Mw fissati come tetto massimo dal piano di indirizzo regionale per il fabbisogno energetico proveniente dall' eolico», dicono dalla Regione. La bocciatura, però, non è definitiva. I Comuni adesso chiedono che ad esprimersi sia direttamente il Consiglio dei ministri. E' quasi certo che Geo Italia s.r.l. debba abbassare il tiro: cioè ripresentare un progetto con un massimo di 9 pale con un' altezza non superiore agli 80 metri. E' tutto ciò che offre il crocevia del Poggio Tre Vescovi alle rinnovabili. Soldi e business da far fruttare con gli incentivi e la promessa dell'
energia pulita altrimenti si scontrerebbero con borghi storici, antiche vie romane, castelli medievali, boschi e prati di uno spicchio di terra classificato come di interesse comunitario e a protezione speciale. Adesso i Comuni dovranno ricalibrare le loro aspettative. Anche se il piano B ricevesse il via libera, i giganti del vento non macineranno più 20 milioni all' anno, e così anche le quote per gli enti locali subiranno un drastico ridimensionamento. Sul caso si è consumata anche una spaccatura interna a Italia Nostra. La sezione locale di Sestino da mesi appoggia i progetti della Geo Italia s.r.l, esaltando soprattutto i piani di gestione dell' impianto. Una volta tirate su, alcune delle torri sarebbero passate a una company retta da un azionariato diffuso. «I soldi dell' energia prodotta e venduta alla rete nelle tasche della gente del posto», ha dichiarato il presidente Gabriele Gervaso. Una bufala, sostiene il vertice dell' associazione ambientalista, che ad agosto ha presentato un esposto alla procura di Arezzo denunciando un conflitto di interessi del sindaco Giovannini. «L' esito della conferenza - esulta Mariarita Signorini, membro del direttivo nazionale di Italia Nostra - dimostra come le tutele debbano arrivare da istituzioni lontane dai territori interessati dallo sviluppo. Gli enti locali rischiano di venir risucchiati dalle tentazioni...». «E' vero, ho 420 ettari proprio su quei crinali, e magari li avrei affittati, ma è la provincia che ha detto che sono buoni per l' eolico. Io campo facendo il contadino. Se poi la legge mi permette di guadagnarci...». Magari poteva astenersi dal dare parere favorevole con una commissione paesaggistica? «Tanto non conta nulla, e poi io ci avrei guadagnato al massimo 40-50 mila euro, il Comune 700mila euro l' anno». I benefici, insomma, erano «tutti per le 1.118 anime di Badia Tedalda». - MARIO NERI[/i]
[/u]
A parte solo utilizzando turbine eoliche possiamo optare per l'energia solare .. E 'il modo più efficace per potere generare se l'abbondanza di sole è disponibile ..
« Ultima modifica: Aprile 15, 2014, 05:28:02 pm da GradyFaler »

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.784
    • Mostra profilo
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #79 il: Aprile 15, 2014, 11:23:06 am »
a badia tebalda stanno discutendo di farlo più piccolo ma comunque farlo

le scelte energetiche di un paese sono varie e ognuna con pro e contro

- gas di putin ? devi pagare e fare politica estera "in accordo" certo niente fumi solo comodo tubino
- gas liquefatto ? paghi compri dove vuoi con porti come quello di livorno con nuovi bomboloni
- eolico ? costa poco relativamente, fortemente sovvenzionato ammazza ogni tanto qualche rapace e sono non bellissimi da vedere
- fotovoltaico ? di fatto paghi i cinesi per fartegli poi te gli monti e sono ipersovvenzionati
- idroelettrico - dopo il vajont in pratica non incrementabile
- nucleare - non l'hanno i tedeschi e giapponesi che sono precisini,.. figuriamoci noi
- petrolio - ok paghi gli ex cammellai ma a bruciarlo non è il massimo, come il carbone

che ti resta? andare a piedi? tornare al medioevo con tutti a casa a leggere a lume di candele? io un qualche pala in cima all ovo non la vedrei male o meglio non tanto diversa dai piloni attuali dell' ovo....

Offline tommasone

  • Ogni sciatore necessita di una ragazza sciatrice e viceversa
  • Global Moderator
  • Divinità Montana
  • *****
  • Post: 8.056
  • Sesso: Maschio
  • Caaaata!
    • sciatore
    • Mostra profilo
    • Cazzeggia all'abetone
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #80 il: Aprile 15, 2014, 12:03:11 pm »
analisi corretta. concordo, meglio la pala che trincia qualche rapace che far respirare i fumi del carbone e del petrolio.

se gli animalisti sono così contrari alle pale per 2 animali morti perchè nn vanno a distruggere ogni macelleria e supermercato che vende pezzi di animale morto? il rapace conta più dell'agnello?

se gli ambientalisti sono contrari pace all'anima loro. le cave di marmo sulle apuane ci sono, son peggio delle pale eppure le prime sono aperte e le seconde un si fanno.
Sarà colpa degli animalisti abmbientalisti o di qualche lobby che preferisce altro?
3 Park city, 3 Deer Valley, 2 The Canyons, 1 Brighton, 1 Snowbird, 1 Alta, 1 Solitude, 1 Bremboski, 2 Montecampione, 1 Valbondione, 1 Borno,  5 Abetone, 1 Doga e mi manca ancora il cimo!

Offline lorenz

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.997
  • Sesso: Maschio
  • Aridanga rombigaiota!
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #81 il: Aprile 15, 2014, 01:05:04 pm »
il rapace conta più dell'agnello?

In effetti se fossi un agnello mi sfaverei non poco, specie con la Pasqua vicina.....
Fescion? Sempre, sempre! Anche in mutande. O nella tormenta.

Cliccare sul mouse è come girare una pagina, ma tu sei talmente arretrato che ti lecchi il polpastrello del dito medio...

"E STATA DURA MA CE L'HAI FATTA... BRAVO BISCHERO!" (Iscrizione trovata da Sir Edmund Hillary sull'Everest)

Abetoneforum

Re:Niente pale eoliche sul nostro appennino
« Risposta #81 il: Aprile 15, 2014, 01:05:04 pm »