Autore Topic: Archeologia sciatoria  (Letto 485360 volte)

Offline Leonardoc

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 224
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5160 il: Maggio 12, 2020, 09:16:04 am »
Esatto, a Le Polle c'erano due seggiovie. Una che serviva la Sette Fontane e consentiva l'accesso allo stradello per Passo del Lupo che ricalcava in parte il tracciato della attuale esaposto (la biposto andava su dritta per il bosco, mentre la esaposto arriva più a destra), e l'altra che partiva a sinistra guardando verso monte, leggermente più a sinistra e più in basso dell'attuale Ariete. La partenza era accanto al fabbricato dell'albergo, quella zona che adesso viene usata dagli slittini che va verso la strada. Serviva solo la Baggiolara come pista. Passava esattamente sopra al lago di pesca e andava su dritta. Forse si intravede ancora il taglio nel bosco. Arrivava su quello che ora è lo stradello di collegamento dall'arrivo delle esaposto per andare alla Baggiolara, più o meno dove parte la pista Razzo. All'epoca frequentavo tantissimo il Cimone (si parla degli anni 80) e quando andavamo a Le Polle al mattino si iniziava sempre con la Baggiolara perchè non c'era nessuno, mentre tutti erano in coda (anche 30/40 minuti) per prendere la biposto per andare a PdL. Una volta smaltita la coda andavamo anche noi, ma intanto avevamo fatto 3 o 4 piste con poca gente!! La biposto che serviva solo la baggiolara, fu smontata e riposizionata a Piancavallaro diventando la "ventolara", in sostituzione dello skilift. Poi è stato modificato lo stradello di accesso per Passo del Lupo e la seggiovia è diventata inutile. In realtà consentiva di sciare in quota, e di fare il pezzo di pista che dalla 9 riporta verso le polle, senza ritornare alle Polle, ma riprendendo la seggiovia si tornava subito su. E poi era di servizio allo Snowpark quando era nella sua forma migliore.

Online tommasone

  • Ogni sciatore necessita di una ragazza sciatrice e viceversa
  • Global Moderator
  • Divinità Montana
  • *****
  • Post: 8.242
  • Sesso: Maschio
  • Caaaata!
    • sciatore
    • Mostra profilo
    • Cazzeggia all'abetone
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5161 il: Maggio 12, 2020, 09:42:16 am »
Esatto Leonardo, è andata proprio così.  Quello che te hai aggiunto di interessante è il fatto che prima si fosse obbligati a prendere la ventolara per andare a PdL per la mancanza di un pezzo da 50m che ti immettesse sulla 9-> questa storia ricorda tanto lo skilift del gomito e il famoso taglio di 50m per prendere la stucchi.
Stesse lotte per i passaggi??
3 Park city, 3 Deer Valley, 2 The Canyons, 1 Brighton, 1 Snowbird, 1 Alta, 1 Solitude, 1 Bremboski, 2 Montecampione, 1 Valbondione, 1 Borno,  5 Abetone, 1 Doga e mi manca ancora il cimo!

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.604
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5162 il: Maggio 12, 2020, 09:49:51 am »
Esatto, a Le Polle c'erano due seggiovie. Una che serviva la Sette Fontane e consentiva l'accesso allo stradello per Passo del Lupo che ricalcava in parte il tracciato della attuale esaposto (la biposto andava su dritta per il bosco, mentre la esaposto arriva più a destra), e l'altra che partiva a sinistra guardando verso monte, leggermente più a sinistra e più in basso dell'attuale Ariete. La partenza era accanto al fabbricato dell'albergo, quella zona che adesso viene usata dagli slittini che va verso la strada. Serviva solo la Baggiolara come pista. Passava esattamente sopra al lago di pesca e andava su dritta. Forse si intravede ancora il taglio nel bosco. Arrivava su quello che ora è lo stradello di collegamento dall'arrivo delle esaposto per andare alla Baggiolara, più o meno dove parte la pista Razzo. All'epoca frequentavo tantissimo il Cimone (si parla degli anni 80) e quando andavamo a Le Polle al mattino si iniziava sempre con la Baggiolara perchè non c'era nessuno, mentre tutti erano in coda (anche 30/40 minuti) per prendere la biposto per andare a PdL. Una volta smaltita la coda andavamo anche noi, ma intanto avevamo fatto 3 o 4 piste con poca gente!! La biposto che serviva solo la baggiolara, fu smontata e riposizionata a Piancavallaro diventando la "ventolara", in sostituzione dello skilift. Poi è stato modificato lo stradello di accesso per Passo del Lupo e la seggiovia è diventata inutile. In realtà consentiva di sciare in quota, e di fare il pezzo di pista che dalla 9 riporta verso le polle, senza ritornare alle Polle, ma riprendendo la seggiovia si tornava subito su. E poi era di servizio allo Snowpark quando era nella sua forma migliore.

Perfetto. Torna tutto. Anche il filmato della "nera Paletta" postato da m4rko. I pali dello skilift c'erano ancora come diceva Tommasone, ma io si vede che li ho proprio rimossi. Ricordo perfettamente lo snowpark in quota la cui area ora viene usata per gli allenamenti di slalom recintandola rispetto alla 9. La sciovia mi è invece finita in un buco nero  :-[


Tornano anche le foto postate da Kalin (è la sella in cima alla Ninfa, come spiega Leonardoc) e da Codes. In quella di Kalin i boschi che oggi costeggiano la Beccadella erano ben più scarni e radi, ma sullo sfondo si vede la Cervarola e si individua l'intaglio della rossa e il percorso logico della nera di Montecreto. In quella di Codes è già a ben visibile a destra il bosco di conifere che fiancheggia la Belladonna fino alla confluenza con l'altra Beccadella.

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.604
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5163 il: Maggio 12, 2020, 09:51:47 am »
Sul gruppo E' Scamàdul di Facebook sono state postate queste bellissime foto risalenti alla fine degli anni '70.
Si tratta della vecchia seggiovia "Lamaccione-Pian Cavallaro", antenata biposto dell'attuale quadriposto automatica (se non erro).


Questa invece è famosa sciovia "Valcava" di cui si parla



L'unica che non mi torna è invece questa. Fosse la sciovia si dovrebbe vedere la seggiovia "Ventolara" sulla sinistra prima o poi e comunque la montagna avrebbe una conformazione diversa e meno ripida, come si vede invece nel filmato e nelle altre foto.

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.604
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5164 il: Maggio 12, 2020, 09:54:09 am »

... e invece:

1969:


1975:


Grazie Kalin. Le avevo già viste. Non ricordo se già postate da te. Colpisce l'impianto mai realizzato sulla statale tra Sestola e Roncoscaglia che avrebbe dovuto portare fino alla funivia di Passo del Lupo.

Negli anni 70 Sestola aveva addirittura due impianti posti ai due estremi del paese per la "rimonta" a Pian del Falco

Offline Leonardoc

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 224
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5165 il: Maggio 12, 2020, 10:02:58 am »
Esatto Leonardo, è andata proprio così.  Quello che te hai aggiunto di interessante è il fatto che prima si fosse obbligati a prendere la ventolara per andare a PdL per la mancanza di un pezzo da 50m che ti immettesse sulla 9-> questa storia ricorda tanto lo skilift del gomito e il famoso taglio di 50m per prendere la stucchi.
Stesse lotte per i passaggi??
Prima quando c'era lo skilift dovevi prenderlo per forza per salire dallo stradello che arrivava dalle Polle verso PdL, perchè questo finiva proprio allo skilift. Che tra l'altro è quello che si vede nella foto, col ponte di legno (all'inizio c'era solo lo skilift senza la seggiovia, e poi è stato tolto, sostituito dalla "ventolara" che grosso modo correva sullo stesso tracciato)
Lo stradello era del tutto agibile come adesso, solo che la parte centrale prima di entrare nella 9 era pari e toccava racchettare parecchio. Poi fu messa la seggiovia che più o meno dal punto critico ti consentiva di salire su per immetterti nella 9 dall'alto al posto dello skilift e più comoda, anche se veramente fredda quando diceva di fare un alito di vento.
Lo skilift andava più a destra (guardando verso monte) rispetto al tracciato della Ventolara, ecco perchè magari dalla foto non si riconosce bene. Il muro che si vede in foto dopo il ponte di legno, era bello ripido. Io ci facevo fatica perchè ero bimbo all'epoca, per cui lo pativo di più.

Online tommasone

  • Ogni sciatore necessita di una ragazza sciatrice e viceversa
  • Global Moderator
  • Divinità Montana
  • *****
  • Post: 8.242
  • Sesso: Maschio
  • Caaaata!
    • sciatore
    • Mostra profilo
    • Cazzeggia all'abetone
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5166 il: Maggio 12, 2020, 10:04:20 am »
L'unica che non mi torna è invece questa. Fosse la sciovia si dovrebbe vedere la seggiovia "Ventolara" sulla sinistra prima o poi e comunque la montagna avrebbe una conformazione diversa e meno ripida, come si vede invece nel filmato e nelle altre foto.

forse quel ponte è proprio con l'incrocio della pista che dal cimone ti riporta in valcava? e davanti bello ripido il versante che scolletta proprio dove la 9 fa la curva finito il plateau iniziale??? Pensaci bene, mi sa è così
3 Park city, 3 Deer Valley, 2 The Canyons, 1 Brighton, 1 Snowbird, 1 Alta, 1 Solitude, 1 Bremboski, 2 Montecampione, 1 Valbondione, 1 Borno,  5 Abetone, 1 Doga e mi manca ancora il cimo!

Online Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.336
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5167 il: Maggio 12, 2020, 10:06:42 am »
io ho sempre saputo che la leitner che serviva la baggiolara fu riposizionata alla ventolara, ma questo cozza con quello che dici te che sostieni che abbiano funzionato insieme. A mio avviso invece quando la biposto faceva la baggiolara c'era solo lo skilift che serviva la parte alta. Dismesso lo skilift fu riposizionata la seggiovia al posto di esso.

Nella foto invece del lamaccione quel palo di cemento armato sembra proprio la stazione a monte dello skilift del lago della ninfa, infatti si vede la fune e la puleggia.
Confermo. Tolto lo skilift riposizionarono la seggiola
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Online Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.336
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5168 il: Maggio 12, 2020, 10:08:30 am »
Prima quando c'era lo skilift dovevi prenderlo per forza per salire dallo stradello che arrivava dalle Polle verso PdL, perchè questo finiva proprio allo skilift. Che tra l'altro è quello che si vede nella foto, col ponte di legno (all'inizio c'era solo lo skilift senza la seggiovia, e poi è stato tolto, sostituito dalla "ventolara" che grosso modo correva sullo stesso tracciato)
Lo stradello era del tutto agibile come adesso, solo che la parte centrale prima di entrare nella 9 era pari e toccava racchettare parecchio. Poi fu messa la seggiovia che più o meno dal punto critico ti consentiva di salire su per immetterti nella 9 dall'alto al posto dello skilift e più comoda, anche se veramente fredda quando diceva di fare un alito di vento.
Lo skilift andava più a destra (guardando verso monte) rispetto al tracciato della Ventolara, ecco perchè magari dalla foto non si riconosce bene. Il muro che si vede in foto dopo il ponte di legno, era bello ripido. Io ci facevo fatica perchè ero bimbo all'epoca, per cui lo pativo di più.
Si , vero. Quando arrivavi dalle Polle unica maniera per andare a passo del lupo era prendere quello skilift .
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline codes

  • Utente da pista blu
  • *****
  • Post: 677
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5169 il: Maggio 12, 2020, 10:12:20 am »
L'unica che non mi torna è invece questa. Fosse la sciovia si dovrebbe vedere la seggiovia "Ventolara" sulla sinistra prima o poi e comunque la montagna avrebbe una conformazione diversa e meno ripida, come si vede invece nel filmato e nelle altre foto.

Com'è stato detto, finché c'è stato lo skilift funzionante la Ventolara era ancora Baggiolara. Il tratto che vedi in foto dovrebbe essere quello iniziale, molto ripido. Dalle testimonianze su facebook sembra che la sciovia fosse caratterizzata da un primo tratto ripido e un secondo molto più tranquillo.

Online Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.336
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5170 il: Maggio 12, 2020, 10:15:22 am »
Com'è stato detto, finché c'è stato lo skilift funzionante la Ventolara era ancora Baggiolara. Il tratto che vedi in foto dovrebbe essere quello iniziale, molto ripido. Dalle testimonianze su facebook sembra che la sciovia fosse caratterizzata da un primo tratto ripido e un secondo molto più tranquillo.
Quello skilift era noioso . C era scritto per esperti. Molto ripido. Ho sicuramente delle foto da qualche parte del 1989 di fine marzo e qualcosa di fine aprile 1990.
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Leonardoc

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 224
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5171 il: Maggio 12, 2020, 10:15:36 am »
forse quel ponte è proprio con l'incrocio della pista che dal cimone ti riporta in valcava? e davanti bello ripido il versante che scolletta proprio dove la 9 fa la curva finito il plateau iniziale??? Pensaci bene, mi sa è così

Eh si, mi sembra proprio di ricordare così.

Offline codes

  • Utente da pista blu
  • *****
  • Post: 677
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5172 il: Maggio 12, 2020, 10:15:49 am »
Esatto, a Le Polle c'erano due seggiovie. Una che serviva la Sette Fontane e consentiva l'accesso allo stradello per Passo del Lupo che ricalcava in parte il tracciato della attuale esaposto (la biposto andava su dritta per il bosco, mentre la esaposto arriva più a destra), e l'altra che partiva a sinistra guardando verso monte, leggermente più a sinistra e più in basso dell'attuale Ariete. La partenza era accanto al fabbricato dell'albergo, quella zona che adesso viene usata dagli slittini che va verso la strada. Serviva solo la Baggiolara come pista. Passava esattamente sopra al lago di pesca e andava su dritta. Forse si intravede ancora il taglio nel bosco. Arrivava su quello che ora è lo stradello di collegamento dall'arrivo delle esaposto per andare alla Baggiolara, più o meno dove parte la pista Razzo. All'epoca frequentavo tantissimo il Cimone (si parla degli anni 80) e quando andavamo a Le Polle al mattino si iniziava sempre con la Baggiolara perchè non c'era nessuno, mentre tutti erano in coda (anche 30/40 minuti) per prendere la biposto per andare a PdL. Una volta smaltita la coda andavamo anche noi, ma intanto avevamo fatto 3 o 4 piste con poca gente!! La biposto che serviva solo la baggiolara, fu smontata e riposizionata a Piancavallaro diventando la "ventolara", in sostituzione dello skilift. Poi è stato modificato lo stradello di accesso per Passo del Lupo e la seggiovia è diventata inutile. In realtà consentiva di sciare in quota, e di fare il pezzo di pista che dalla 9 riporta verso le polle, senza ritornare alle Polle, ma riprendendo la seggiovia si tornava subito su. E poi era di servizio allo Snowpark quando era nella sua forma migliore.

Grazie per le informazioni, anche se una cosa non mi torna. Guardando le mappe sembra che la vecchia Baggiolara partisse a destra (guardando verso monte).


Offline Leonardoc

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 224
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5173 il: Maggio 12, 2020, 10:17:25 am »
Grazie per le informazioni, anche se una cosa non mi torna. Guardando le mappe sembra che la vecchia Baggiolara partisse a destra (guardando verso monte).

Si scusa hai ragione, a destra guardando verso monte. Il taglio è quello che indichi tu con la freccia

Online tommasone

  • Ogni sciatore necessita di una ragazza sciatrice e viceversa
  • Global Moderator
  • Divinità Montana
  • *****
  • Post: 8.242
  • Sesso: Maschio
  • Caaaata!
    • sciatore
    • Mostra profilo
    • Cazzeggia all'abetone
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5174 il: Maggio 12, 2020, 10:18:47 am »
In bianco lo skilift in giallo la biposto. Il ponte è dove incontra la strada.


Inviato dal mio Redmi Note 8T utilizzando Tapatalk

3 Park city, 3 Deer Valley, 2 The Canyons, 1 Brighton, 1 Snowbird, 1 Alta, 1 Solitude, 1 Bremboski, 2 Montecampione, 1 Valbondione, 1 Borno,  5 Abetone, 1 Doga e mi manca ancora il cimo!

Abetoneforum

Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #5174 il: Maggio 12, 2020, 10:18:47 am »