Autore Topic: Archeologia sciatoria  (Letto 424982 volte)

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.487
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4860 il: Gennaio 25, 2019, 11:23:38 pm »
Passo primi anni '70 (?), si gettano le fondamenta di un nuovo albergo:


Sicuramente prima del 74' perché non si vede l'ovo.
Sembrano i fondamenti del Palazzaccio o sbaglio?
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4861 il: Gennaio 25, 2019, 11:29:43 pm »
Certo, era il Palazzaccio. Non si vede l'uovo ma si vede la stazione superiore della seggiovia del Gomito ;)

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.487
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4862 il: Gennaio 25, 2019, 11:33:07 pm »
Certo, era il Palazzaccio. Non si vede l'uovo ma si vede la stazione superiore della seggiovia del Gomito ;)
Si scorge anche la Direttisima o sbaglio?
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4863 il: Gennaio 26, 2019, 11:02:50 am »
^ Sì, la parte alta che entra nel bosco. Quella che si vede in basso dovrebbe essere la Stucchi. Mi correggo invece sulla stazione superiore visibile, che è sicuramente quella della sciovia e non quella della seggiovia.


Offline codes

  • Utente da pista blu
  • *****
  • Post: 590
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4864 il: Gennaio 26, 2019, 02:10:15 pm »
Trovata in rete, non so se è già stata postata o no.
Seggiovia delle Motte, con la pista che ha tutta l'aria di essere stata costruita da poco.



Scusate l'ignoranza (motivi anagrafici), ma questa era chiamata anche "Conca D'oro"? Oppure si tratta di un altro impianto?

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4866 il: Gennaio 26, 2019, 06:43:11 pm »
Ricevo dal benemerito utente stracchino, ex-Santi Giovanni, documenti interessantissimi riguardo al progetto di costruire un impianto da Serretto (Faidello) al Pulicchio. Inizialmente (1967) si parla di cabinovia (immagino del tipo cestovia come quella di Campolino). Poi (1969) si prendono contatti con la Graffer per la costruzione di una seggiovia. Per ora mi limito a pubblicare i reperti, poi mi auguro che Giovanni vorrà raccontarci di più su questo progetto, di cui suo padre fu l'iniziatore, e sui motivi per cui alla fine non se ne fece più nulla (la prima seggiovia del Pulicchio di Seghi e Coppi, una Nascivera, fu inaugurata nel gennaio 1974).








« Ultima modifica: Gennaio 26, 2019, 06:52:40 pm da Kaliningrad »

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4867 il: Gennaio 26, 2019, 06:49:50 pm »
36 milioni e mezzo del 1967 corrispondono a circa 365.000 euro di oggi (rapporto 1/100, vedi https://www.oppo.it/tabelle/rivalutazione_mon_coef_annuali.html). A questa cifra, che comprende anche la costruzione del rifugio e di un acquedotto, andrebbe sommato il preventivo della Graffer, che magari si troverà da qualche parte tra le carte. Sarebbe poi interessantissimo se stracchino riuscisse a recuperare anche la cartina di cui si parla nella lettera alla Graffer ...

Offline Mark978

  • Utente da pallate di neve
  • **
  • Post: 77
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4868 il: Gennaio 26, 2019, 06:51:08 pm »
Interessantissimo! Grazie ;)

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.487
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4869 il: Gennaio 26, 2019, 06:55:04 pm »
36 milioni e mezzo del 1967 corrispondono a circa 365.000 euro di oggi (rapporto 1/100, vedi https://www.oppo.it/tabelle/rivalutazione_mon_coef_annuali.html). A questa cifra, che comprende anche la costruzione del rifugio e di un acquedotto, andrebbe sommato il preventivo della Graffer, che magari si troverà da qualche parte tra le carte. Sarebbe poi interessantissimo se stracchino riuscisse a recuperare anche la cartina di cui si parla nella lettera alla Graffer ...
Avevo scritto una minchiata.

Manca l'impianto
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4870 il: Gennaio 26, 2019, 06:58:02 pm »
^ Non del tutto, giacché i sostegni in cemento erano già previsti nel preventivo del 1967. Mancavano, insomma, la motrice con i comandi, le pulegge, i tensionatori, le rulliere, le funi e i seggiolini (o i cesti).

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.487
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4871 il: Gennaio 26, 2019, 07:13:27 pm »
^ Non del tutto, giacché i sostegni in cemento erano già previsti nel preventivo del 1967. Mancavano, insomma, la motrice con i comandi, le pulegge, i tensionatori, le rulliere, le funi e i seggiolini (o i cesti).
Certo costi diversi rispetto ai nostri tempi con costi di gestione notevolmente più bassi
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline codes

  • Utente da pista blu
  • *****
  • Post: 590
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4872 il: Gennaio 26, 2019, 07:17:00 pm »
Grandissimo stracchino!

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4873 il: Gennaio 27, 2019, 09:01:17 am »
Sempre da parte di Stracchino, in ordine sparso, documenti relativi alla suddetta seggiovia, ma c'è anche il progetto di una sciovia presso la Pensione La Pace, oltre a referenze mandate dalla Graffer per farsi pubblicità (c'è anche la Sestaione S.p.A.)



































Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.072
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4874 il: Gennaio 27, 2019, 09:01:45 am »















Abetoneforum

Re:Archeologia sciatoria
« Risposta #4874 il: Gennaio 27, 2019, 09:01:45 am »