Autore Topic: Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano  (Letto 98116 volte)

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.332
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #615 il: Febbraio 13, 2020, 09:21:09 am »
o il clima che cambia o i naturali cicli della vita. di più non so dirti se lo sapessi non sarei qui, a leggere sembra che anche in altre epoche abbia fatto inverni caldi per poi tornare tutto nella norma. bisogna vedere quanto durano questi cicli e se avremo ancora tempo per vedere di nuovo gli inverni dominati dal rodano. il problema é che in questi inverni non ha fatto più la bassa pressione sull'alto tirreno neanche quelle poche volte che il rodano é arrivato, o troppo lontana al di la della corsica o troppo bassa sotto la Sardegna, chi ci capisce é bravo. però lo ripeto in altre parti del mondo é tutto normale gli inverni continuano a essere inverni e la nave arriva puntuale e abbondate ogni anno. a nord delle alpi c'è francia c'è stati uniti e canada non c'è giorno che non nevichi perciò aspettiamo fiduciosi sperando che tutto torni normale anche qui.

In epoca romana si faceva il vino in Inghilterra, quindi i cicli ci sono sempre stati. All'epoca però non c'erano quasi 8 mld di uomini e tutto quello che consegue per mantenerli (basti pensare alle emissioni degli allevamenti necessari per fornire carne e latte delle diverse specie), che sicuramente sul clima un effetto lo producono. E' vero che ci sono i cicli, ma dipendono da tante cose: da eventi atmosferici, cambiamenti climatici, ma anche pulsazioni solari e pure, ebbene sì, dice bene Immenso anche se magari ci scherzava su, da uno spostamento del nord magnetico … Per l'inversione dei poli abbiamo tempo, ma se si sposta il nord e l'asse terrestre, inevitabilmente le correnti seguono percorsi diversi.

Sul Rodano: è un piatto ben cucinato. Non sempre ci sono gli ingredienti giusti e purtroppo pare che lo chef sia cambiato. I cambiamenti climatici incidono, ma più di tutto ha potuto il vortice polare ancora in atto quest'anno. Se non si formano masse fredde e umide nel nord atlantico, qualcos'altro ne prende il posto. Quest'anno non è stato tanto un problema di avere il minimo sul dito della Corsica: mancava proprio l'arrosto da cuocere. Sulle alpi ha nevicato, ma comunque sempre in quota. Sulle stazioni di base della Baviera, tanto per fare un esempio, sono dovuti andare di artificiale né più né meno che qui da noi. Posti che di solito a 800 metri la neve a dicembre e gennaio l'hanno quasi sempre avuta.

Offline Bambolinamery

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 239
  • Sesso: Maschio
  • utente da pasta e fagioli
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #616 il: Febbraio 13, 2020, 09:40:03 am »
quello che dici é giusto però non puoi portare solo questo inverno come prova questo inverno é troppo particolare per essere preso come esempio, bisogna fare una media almeno degli ultimi 20 anni, in Baviera non é stato sempre come quest'anno. io cerco sempre di essere ottimista é impossibile da pensare che non nevichera' quasi più.
« Ultima modifica: Febbraio 13, 2020, 09:50:21 am da Bambolinamery »
ABETONE RITORNA CIÒ CHE ERI.

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.332
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #617 il: Febbraio 13, 2020, 09:49:24 am »
quello che dici é giusto però non puoi portare solo questo inverno come prova questo inverno é troppo particolare per essere preso come esempio, bisogna fare una media almeno degli ultimi 20 anni, in Baviera non é stato sempre come quest'anno.

Giusto. Non ho i dati degli ultimi 20 anni, ma le impressioni di parecchi amici tra Monaco e parecchie località comprese tra l'Allgäu e l'Oberbayern sì. Gli anni senza neve sono parecchi, non solo questo. E anche loro rilevano come negli ultimi 10 anni il fenomeno è aumentato. Poi quest'anno è particolarmente avaro, non di precipitazioni in generale, ma di precipitazioni nevose sì. E del resto, anche per loro febbraio porta temperature massime di 10 gradi con sempre maggior frequenza: e loro non hanno la barriera delle alpi da segare a 1200 metri.

Offline Kaliningrad

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.128
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #618 il: Febbraio 13, 2020, 10:19:49 am »
la sciovia in cima al muro della riva come si chiamava?

Foce delle Nubi



riguardo alla seggiovia del gomito, [...] se non sbaglio partiva vicino al rifugio della selletta e saliva verso l'ovovia

Partiva da dove poi partiva la sciovia Foce delle Nubi, cioè in cima al muro della Riva. Come ha già detto Balena, con Ovovia e Sciovia del Gomito aveva ormai perso la sua funzione.


la seggiovia che correva parallela alla selletta quale era ? ricordo che ci voleva un biglietto diverso dalla selletta e che quando ci salivi sopra ti davano una coperta stile militare per coprirti e tenere il sedere al caldo e che le seggiole erano di legno. che tempi quelli si erano veri giorni a totale contatto con la neve.

Era la cabinovia Abetone-Selletta che, dopo il (mi pare) 1975, d'inverno si trasformava in seggiovia.

Offline Bambolinamery

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 239
  • Sesso: Maschio
  • utente da pasta e fagioli
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #619 il: Febbraio 13, 2020, 10:56:40 am »
si giusto ora ricordo anche il cambio cestovia seggiovia estate inverno. intanto nevica a bagdad oltretutto con accumolo non una semplice spolverata. lo so coi se e coi ma non si va da nessua parte, però va detto se l'alta pressione non c'era quall'aria fredda li veniva tutta qui.
ABETONE RITORNA CIÒ CHE ERI.

Offline ImmensoAbetone

  • Utente da pista nera
  • *******
  • Post: 3.254
  • Sesso: Maschio
  • L'IMMENSA IMMENSITA'
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #620 il: Febbraio 13, 2020, 11:02:51 am »
si giusto ora ricordo anche il cambio cestovia seggiovia estate inverno. intanto nevica a bagdad oltretutto con accumolo non una semplice spolverata. lo so coi se e coi ma non si va da nessua parte, però va detto se l'alta pressione non c'era quall'aria fredda li veniva tutta qui.

La cella di hadley si alza in corrispondenza dello spostamento del polo nord e sud magnetico; l'asse cambia e quindi anche la circolazione.
Simulando il proseguo, io e balena abbiamo stabilito che noi e molti dopo di noi vedranno l'arrivo del caldo sahariano, poi progressivamente da est arriverà il gelo.
E' il ns modello, PMT.
"Ho buone sensazioni". "Cammineremo su laghi ghiacciati".
cit. Balena.

Offline ilchiuso

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.039
  • Sesso: Maschio
  • W la montagna !
    • Mostra profilo
Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #621 il: Febbraio 13, 2020, 12:08:07 pm »
La cella di hadley si alza in corrispondenza dello spostamento del polo nord e sud magnetico; l'asse cambia e quindi anche la circolazione.
Simulando il proseguo, io e balena abbiamo stabilito che noi e molti dopo di noi vedranno l'arrivo del caldo sahariano, poi progressivamente da est arriverà il gelo.
E' il ns modello, PMT.
Nooooooo

Inviato dal mio SM-A305F utilizzando Tapatalk

Il Chiuso

Abetoneforum

Re:Località aperte e località chiuse dell'Appennino tosco-emiliano
« Risposta #621 il: Febbraio 13, 2020, 12:08:07 pm »