Autore Topic: Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??  (Letto 94391 volte)

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #720 il: Gennaio 22, 2020, 11:47:34 am »
val  d orcia non conta - non è facile passare da industria a turismo... più facile passare da agricoltura a turismo.... ma se nel mezzo sei passato dall'industria ti ritrovi immensi baracconi lungo i fossi ormai completamente inutili.....


pontassieve cementizie ex impianti lungo Arno e Sieve fanno paura....

la valle del Cadore fa paura... a parte Cortina il resto è bombardato

fatevi un giro nella bassa Va susa o Val Brembana o Seriana... paesini semi abbandonati con mega impianti diroccati lungo i fiumi.... prima l'acqua dava energia ora servono poche fabbriche fighe smart e vicino a autostrada porti e aereporti....

Offline Bimbone

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.920
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #721 il: Gennaio 22, 2020, 11:48:08 am »
"Probabilmente non sei mai stato in garfagnana, la situazione è ben diversa per fortuna"

ma da lucca a ponte alla lima io non so quante sono le cartiere abbandonate o i paesini mezzi desolati....

campo tizzoro stabilimento ex SMI sembra bombardato...passaci la notte fa paura...

MA QUELLA RAZZO DI CARTIERA sulla lima SULLA DESTRA SALENDO ALLA LIMA AL BIVIO PER SAN MARCELLO LA VEDO SOLO IO? SARA' DEL 1959 COME EDIFICIO CADE A PEZZI NON CI INVESTONO UN CENTESIMO DA DECENNI....VOGLIO VEDERE ASL ARPAT E VIGILI DEL FUOCO COSA NE PENSANO...., SI PROPRIO COME LE CARTIERE NUOVE DEI CARRARA LUNGO L A11 DAVANTI ALL AREPORTO DI LUCCA....UGUALI UGUALI....
ma li non è garfagnana, tu dicevi la valle del serchio che a chifenti gira a sinistra

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #722 il: Gennaio 22, 2020, 11:49:28 am »
"Ma é vero che l'impianto che fa più passaggi in tutto l'anno in toscana é la funivia di Cutigliano?"

non è l'ovo? parliamoci chiaro la capacità oraria è ben diversa..... si l'ovo gira meno d estate... ma d'inverno....

Offline Cervantes

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 242
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #723 il: Gennaio 22, 2020, 11:55:50 am »
Non sottovalutate la sprella per la stagione invernale  :P

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #724 il: Gennaio 22, 2020, 11:57:21 am »
anche la sprella secondo me gira tanto hai ragione....

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #725 il: Gennaio 22, 2020, 12:06:15 pm »
pero sarebbe interessante capire il miglior impianto come utile non come passaggi.... perchè con i dindi ci fai la spesa con i passaggi no...

e dindi parlo di ricavi in dindi vero meno costi veri (luce manutenzione personale) lasciando da fare / perdere l'ammortamento (perchè se l'impianto te l hanno regalato.. o hai comunque preso tanti soldini pubblici per farlo...) questo per capire dove poter andare ancora a sciare senza pelli..... non per farsi i fatti degli altri..... certo non è facile capire non è che ogni impianto ha la propria contabilià e poi se l impianto serve una pista deve aggiungerci costi dei gatti e della neve programmata.... pero secondo me un calcolo per centro di costo saf e valdiluce spa spero lo facciano....

secondo me i campini all'abetone o anche il bob estivo alla doganaccia di dindi veri ne fanno tanti .... sul resto non so... 
« Ultima modifica: Gennaio 22, 2020, 12:12:07 pm da bracco »

Offline lorenz

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.997
  • Sesso: Maschio
  • Aridanga rombigaiota!
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #726 il: Gennaio 22, 2020, 12:21:49 pm »
"Ma é vero che l'impianto che fa più passaggi in tutto l'anno in toscana é la funivia di Cutigliano?"

non è l'ovo? parliamoci chiaro la capacità oraria è ben diversa..... si l'ovo gira meno d estate... ma d'inverno....

La funivia viene presa da quasi tutti qchi scia alla Doganaccia, visto che la strada da Cutigliano è disastrata.   
Fescion? Sempre, sempre! Anche in mutande. O nella tormenta.

Cliccare sul mouse è come girare una pagina, ma tu sei talmente arretrato che ti lecchi il polpastrello del dito medio...

"E STATA DURA MA CE L'HAI FATTA... BRAVO BISCHERO!" (Iscrizione trovata da Sir Edmund Hillary sull'Everest)

Offline orso nero

  • Utente da campo scuola
  • ****
  • Post: 261
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #727 il: Gennaio 22, 2020, 12:28:16 pm »
La funivia viene presa da quasi tutti qchi scia alla Doganaccia, visto che la strada da Cutigliano è disastrata.

si, poi lavora con le bici, il trekking, il semplice turista che sta a cutigliano e sale a fare un giretto al parco avventura ecc ecc...

Online Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.364
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #728 il: Gennaio 22, 2020, 02:40:02 pm »
invece secondo me è / sarebbe in tema perchè l'impianto è proprio a metà del confine e poi alla fine porta i toscani a sciare e spendere al corno.... non viceversa....

comunque a me me ne frega il giusto .... era per capire se con le elezioni facevano qualche promessa folle...


nelle valli medie modenesi e bolognesi non mi sembra girino tanti soldi....forse a bologna e modena si ... ma nelle vallate.... case mezze rotte .... agricoltura ormai "al limite".... insomma il classico abbandono spopolamento che trovi risalendo la lima e il serchio da lucca o facendo la porrettana o nelle vallate pratesi e fiorentine...

In altro thread, mi pare rispondendo a @il Chiuso, spiegavo perché struttura e bacino d'utenza del Corno rendono difficile uno sviluppo consistente, anche ci fosse la neve aggiungo. Su altri aspetti di questo progetto si è ampiamente dibattuto in passato, ma anche senza conoscere la morfologia e le infrastrutture di accesso del territorio, basta guardare in alto nelle ultime stagioni per capire che non ci sono le condizioni di un comprensorio del genere, velleitario e con un investimento ben al di là dei benefici in grado di produrre. Questo è il mio pensiero, ovviamente.

Sul fatto che nelle medie valli modenesi non girino tanti soldi, secondo me invece dipende. Se parliamo di tutto ciò che è a sud di Sassuolo (valli del Secchia), sì. E' vero e segue purtroppo il trend di spopolamento e scarso ricambio in atto dalla fine dell'800 e poi nell'ultimo dopoguerra (fuga verso le città, Francia, Belgio, America, ecc.). Se parliamo di ciò che è a sud di Maranello e Vignola (Val Panaro) allora la cosa è piuttosto diversa. Le località intermemedie qui si chiamano Pavullo nel Frignano e Marano sul Panaro e se dai un occhiata vedrai che imprese e soldi ce ne girano un bel po'. Cosa che si riverbera da un lato fino al Cimone (Fanano ha due zone industriali/artigianali e anche alcuni investimenti esteri) e dall'altra nell'aiutare realtà più agricole come Zocca e Montese a avere comunque dei benefici dall'affacciarsi sulla seconda direttrice provinciale più importante di penetrazione in montagna, dopo la SS12.

Anche io vedo i ruderi industriali nel risalire alcune valli toscane (anche in Apuane, se non ricordo male), che mi ricordano certe brutture delle valli bresciane e bergamasche, anche lì abbandonate da decenni. Però girando il fondovalle del Serchio, almeno fino a Castelnuovo, non mi è sembrata una montagna all'abbandono. Forse non la conosco abbastanza. Prossima primavera in moto vado più piano e ci guardo di più.

Offline alessice

  • Utente da rifugio (pizzino e birra)
  • *
  • Post: 23
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #729 il: Gennaio 22, 2020, 06:48:38 pm »
In altro thread, mi pare rispondendo a @il Chiuso, spiegavo perché struttura e bacino d'utenza del Corno rendono difficile uno sviluppo consistente, anche ci fosse la neve aggiungo. Su altri aspetti di questo progetto si è ampiamente dibattuto in passato, ma anche senza conoscere la morfologia e le infrastrutture di accesso del territorio, basta guardare in alto nelle ultime stagioni per capire che non ci sono le condizioni di un comprensorio del genere, velleitario e con un investimento ben al di là dei benefici in grado di produrre. Questo è il mio pensiero, ovviamente.

Ciao Münchner Hell,

ho letto con interesse la tua risposta sul perchè il Corno ha poche potenzialità di sviluppo per via del bacino di utenza e condivido a pieno.

In merito al collegamento Doganaccia-Corno, senza stare a discutere della fattibilità tecnica o meno la domande che mi pongo ogni volta che ci penso è:

ma la gente dove parcheggerebbe la macchina?

Siete mai stati il fine settimana nel parcheggio della funivia negli ultimi anni? Credo di si, è piccolo e si piena subito, e forse già così mi sembra un forte limiti allo sviluppo attuale della Doganaccia.

Personalmente mi piace portare la famiglia a fare un giro o anche i bambini a sciare lì il sabato, ma mi trovo a dover evitare perchè più di una volta è rissa per trovare un posto.

Secondo me prima del collegamento in alto ci sarebbe da discutere del parcheggio in basso.

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #730 il: Gennaio 22, 2020, 08:03:44 pm »
allora fondovalle serchio non vedete i troiai perchè la prima parte da lucca è in galleria o strada nuova i troiai le fabbriche vecchie sono sul vecchio tracciato... occhio non vede cuore non duole comunque si .... concordo fondo valle messo meglio che la lima ..

la montagna media comunque è messa male ovunque.... i troia abbandonati lungo i fiumi ci sono anche in val d isarco val pusteria e va venosta....

tornando al topic il collegamento corno doganaccia servirebbe a fare si che quegli del corno possono attingere ai 2 milioni di potenziali sciatori toscani che ora non ci vanno.... sopratutto zona montecatini lucca costa..... tutta gente che ora al corno non ci va.....

Offline ilchiuso

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.049
  • Sesso: Maschio
  • W la montagna !
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #731 il: Gennaio 22, 2020, 08:07:22 pm »
Vero. Cmq si creasse un bel giro,  potrebbero  fare skibus dal parcheggio di casotti alla funivia. Se devo esser sincero alla Dogana sn bravi e accolgono più volentieri i pellegrini. All'abetone sn altrettanto bravi im ma a loro interessano solo le tutine, la vdl invece accoglie volentieri anche i pellegrini ma ho l'impressione che nonostante il grande      impegno che ci mettono, facciano tanta fatica...

Inviato dal mio SM-A305F utilizzando Tapatalk

Il Chiuso

Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #732 il: Gennaio 22, 2020, 10:05:47 pm »
Si fa per parlare visto che penso non sara mai fatto ma chiaramente il parcheggio così come le strade di accesso alla funivia non possono reggere un flusso elevato già ora sono al limite...se volete anche la portata oraria della funivia non è elevatissima... il progetto originale di parco eolico con collegamento corno doganaccia come onere infatti precedeva altro impianto casotti base funivia...


Quello che però alla fine non capisco è come mai se corno doganaccia si cercano così intensamente non iniziano facendo un servizio di collegamento in bussino / gatto... collegamento funzionante solo nei giorni belli senza vento ect ma tanto per iniziare... così o opera da 20 mln di euro o nulla...



Offline bracco

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.787
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #733 il: Gennaio 22, 2020, 10:08:56 pm »
La Val di luce cercherebbe i pellegrini ma poi gli fa fare pipì nel boschetto e gli obbliga all abetina... il pellegrino ci rimane male... diciamo in Val di luce la vernice tutina ogni tanto riemerge..  basta vedere il nulla estivo...

Online Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.364
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #734 il: Gennaio 23, 2020, 09:36:55 am »
Ciao Münchner Hell,

ho letto con interesse la tua risposta sul perchè il Corno ha poche potenzialità di sviluppo per via del bacino di utenza e condivido a pieno.

In merito al collegamento Doganaccia-Corno, senza stare a discutere della fattibilità tecnica o meno la domande che mi pongo ogni volta che ci penso è:

ma la gente dove parcheggerebbe la macchina?

Siete mai stati il fine settimana nel parcheggio della funivia negli ultimi anni? Credo di si, è piccolo e si piena subito, e forse già così mi sembra un forte limiti allo sviluppo attuale della Doganaccia.

Personalmente mi piace portare la famiglia a fare un giro o anche i bambini a sciare lì il sabato, ma mi trovo a dover evitare perchè più di una volta è rissa per trovare un posto.

Secondo me prima del collegamento in alto ci sarebbe da discutere del parcheggio in basso.

Infatti, l'accesso toscano, ma anche quello emiliano (1 solo, in mezzo ai boschi e con parecchi km sia da Fanano che da Porretta che sono i due accessi per chi sale dalla pianura) sono tra i problemi principali.

Le cose di cui si era dibattuto qui sul forum erano in sostanza queste:
- impianti attuali vetusti e sciabilità
- accessi e infrastrutture
- km di comprensorio (pochissimi) aggiunti dal nuovo impianto in Toscana
- esposizione lato toscano non favorevole a stagioni lunghe
- lato emiliano distante da raggiungere
- forti venti di crinale che rendono le piste alte (vedere le tomba alte sul paginone) e il nuovo "svalico" spesso complicate da tenere aperte
- forte influenza delle perturbazioni in arrivo dal tirreno che portano spesso nubi e nebbia, con effetti sulla sciabilità analoghi al forte vento

A memoria direi che il succo era questo e per diversi forumisti non giustificava un intervento da 20 mln di euro.

Se aggiungiamo le ultime cinque annate "nevose", in cui se n'è salvata una, è evidente che lì un comprensorio sciistico oltre i confini di quello che già c'è, non ce la fa. Anzi, purtroppo non ce la fa nemmeno la superficie attuale, se non forse pochi giorni all'anno.

Abetoneforum

Re:Collegamento Doganaccia-Corno...sempre piu' vicino??
« Risposta #734 il: Gennaio 23, 2020, 09:36:55 am »