Autore Topic: Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -  (Letto 4297 volte)

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« il: Aprile 21, 2018, 10:45:41 pm »
Diretta dalla Croce - Discesa integrale

In settimana avevo parlato con Roby  della Diretta dalla Croce della Pania verso il Vallone dell’Inferno.   Avevo trovato la sua relazione , ne avevo lette altre solo relative alla discesa del Vallone . Ho pensato tutta la settimana che o andavo con questo innevamento o chissà quando sarebbe ricapitato . Sapevo che Roby era impegnato  tutto il fine settimana , non avevo altre possibilità.
 Ne riparliamo venerdi a pranzo e lui mi dice … "prova da solo ! " . Avevo salito la Pania in invernale varie volte nella seconda parte degli anni 90’ , mai con le pelli e sinceramente non ricordavo neppure bene l’avvicinamento , i passaggi rognosi, i tempi . 
Venerdi sera ho preparato tutto , sono andato al letto presto e messa la sveglia alle 4 , meglio arrivare di buon ora  visto i possibili imprevisti e la meteo con temperature simil estive .
Sveglia precisa, colazione abbondante , macchina già carica dalla sera prima, mi metto in viaggio intorno alle 5 . La strada la ricordo bene , anche se credevo che non ci volesse quasi un’ora e mezza e oltre 75 km per arrivare a Piglionico . Ovviamente non trovo una macchina , preparo il materiale lascio solo i rampant in auto , non ho la piccozza ( che poi l’avessi avuta forse l’avrei usata ) perché mi è rimasta nel furgone di Roby .  Decido di partire con gli scarponcelli sci e scarponi sullo zaino ,scelta  giusta infatti la prima mezz’ora la passo nel bosco già in veste primaverile  . Lanciando lo sguardo avanti vedo la prima neve , prima a tracce poi sempre più abbondante tant’è che nel giro di pochi passi siamo già sui 40 cm.  Decido di mettere gli scarponi ma non gli sci , Roby mi aveva detto che il bosco non è uniforme sarebbe stato un levare e mettere . Trovo la prima difficoltà quando il sentiero prende per un traverso abbastanza lungo con sguardo sulla Pania Secca : devo fare massima attenzione , passi decisi su neve con un velo di rigelo ; non vedo l’ora di passare quel traverso e comincio a nutrire qualche timore sul proseguo ma mi sforzo di affrontare le cose una per volta senza farmi troppi problemi .  Comincio a tagliare dritto per dritto seguendo delle vecchie tracce e avanzo velocemente ; si scorgono i pratoni innevati sotto il Rif. Rossi e decido di mettere gli sci . Comincio a pellare la neve tiene bene davanti a me il Puntone dell’Uomo Morto  , si intravedono le antenne del Rossi . Arrivo al rif. Intorno alle 8 , telefonata a Roby che mi dice di star tranquillo che il bello verrà adesso.  È il 21 aprile ma ci sono oltre 2 metri di neve , il rifugio è praticamente seppellito, non posso nemmeno immaginare come era 20 gg. fa prima della scaldata. È tutto chiuso , non so se il gestore c’è o verrà dopo , foto di rito e riparto.
Arrivo sul traverso che dal Rossi porta alla Focetta del Puntone  , sono in maniche corte vado in ombra e seguo delle tracce che mi renderò conto dopo saranno ahimè troppo alte ma ormai non posso cambiare , è un puntaccio , avevo letto sulla relazione di Roby di fare massima attenzione eppure sono riuscito a complicarmi la vita. Mi prende pure freddo avanzo lento e mi sforzo di non guardare di sotto.  Vedo la Focetta del Puntone ma come temevo sono alto : mi avvicino a delle rocce e mi tolgo gli sci , scendo a piccoli e misurati passi facendo scendere gli sci e le bacchette piano piano e mi dico che la Focetta è lì al sole basterà poco !
In qualche modo arrivo alla palina che non vedevo da oltre 10 anni :  si scorge il passo degli Uomini della neve , le Apuane meridionali , Viareggio , Livorno là sullo sfondo . La Borra di Canala è strapiena di neve , mai vista così , idem il Vallone dell’Inferno .
Comincio  a pellare di traverso cercando di rimanere alto sulla dx del Vallone , di trovare neve buona ma ci vuole tanta attenzione , "frano" spesso e non è un bella sensazione . Cerco di guardare avanti e tiro dritto . Non mi rendo conto di essere passato dentro la Buca della Neve ! è a pari, non ricordo quanto sia fonda ma almeno 8 mt. , ne sono quasi convinto . Comincio a fare dei traversi dato che la pendenza aumenta . Con Roby avevo ragionato di tirare diritto per la Croce ma non me la sento da solo e arrivo dopo vari traversi a circa 100 metri dalla cresta sommitale sotto delle roccette affioranti ; tolgo gli sci , sistemo tutto dietro e decido un dritto per dritto, non ci sono alternative . La pendenza sfiora i 45° forse qualcosa di più vedo la cima , vedo il colle della Lettera completamente pieno di neve e vedo la diretta dalla Croce che vorrei provare a scendere . Arrivo sulla sommitale, avessi avuto la piccozza era meglio, ho le mani congelate perché le ho infilate nella neve in appoggio, lo ordina anche il dottore !  la cresta è incredibilmente affilata ,mi metto un giubbino c’è un pochino di vento ; misuro ogni passo , impiegherò circa 20 minuti per arrivare sotto la Croce : manca l’ultimo tratto dove arriva il Canale dei Carrubi ; la cresta è un filo, non ci sono tracce, non c’è nessuno ci penso e ci ripenso la Croce è lì a 20 mt. Devo farmi coraggio e muovermi con passi decisi . Arrivo alla Croce sono commosso , sono passati 22 anni dalla prima solitaria in Pania , avevo 21 anni , ero un incosciente e non avevo paura di nulla , adesso ho avuto paura , guardo dietro e mi dico che non ci penso a ripassare da lì a piedi ; chiamo Roby, gli mando 2 foto dalla cima per individuare la diretta per scendere dalla Croce. Appurato che è quella che vedo, decido per scendere da lì ma prima vado in esplorazione a piedi , mi calo giù per 50 mt. Mi pare di vedere un tratto non innevato, sono indeciso , risalgo e mi sovviene che appena prima della Croce c’era la possibilità di scendere e rientrare sulla Diretta bypassando quel traverso . Mi decido, spello, rimetto tutto dentro ,serro gli scarponi ,gran sospirone e mi tiro di sotto: saranno  45/50° lì sotto ma alla prima curva la neve è top e mi sento subito sollevato, tiro 2 curve e ho già perso quota,  vado di taglio verso il Vallone e in 4 curve sono dentro . Mi volto faccio una foto per ricordarmi che cavolo sono sceso di lì !! .
Non avevo tante soluzioni , avrei impiegato una mezz’ora buona a tornare al punto dove ero emerso, oltretutto dopo il primo pezzo avrei dovuto bypassare quel salto di roccia dove prima avevo tolto gli sci insomma la scelta fatta mi aveva ripagato !
Son contento prendo fiducia tiro altre belle curve; come un bimbo piccolo mi infilo nella Buca della Neve . Scorgo in lontananza le uniche 2 persone che alla fine avrei incontrato in tutto il giorno : sono ferme che guardano che scendo, probabilmente non se lo aspettavano .
Arrivo alla Focetta, loro stanno cercando di scendere da dove prima avevo recitato un paio di preghierine, mi chiedono se servono i ramponi per salire e se il sentiero è tracciato . Rispondo che i ramponi probabilmente non serviranno ma che a piedi si sfonda e forse 2 ore non bastano per la Cima . Il sentiero l’ho tracciato io ma in condizioni invernali di solito il Vallone si sale alla meglio senza cercare tracce ; non mi paiono molto convinti infatti a breve torneranno sui loro passi .
Io mi guardo intorno : Roby mi aveva detto che avrei potuto fare la Borra che valeva la pena , non ci penso due volte e mi ci fiondo dentro!
Allora vi dico che è stato una favola , neve bellissima , paginoni intonsi a parte qualche slavinata proveniente dalla  Amoretti/Divestea mi sono goduto una grandissima sciata .
Ho tolto gli sci in fondo ,credo che anche in pieno inverno non si possa andare molto avanti , ci sono delle rocce affioranti molto grandi ci vorrebbero metri e metri di neve ma lì saremo a 1000/1100 mt.  , impossibile per le nostre lande . Faccio un’ultima foto alla Borra , rimetto gli sci e comincio a scendere il ravaneto che porta nel bosco sottostante . Con qualche difficoltà rientro sul sentiero 127 che da Foce di Mosceta porta a Piglionico. È interminabile e stancante ma arrivato alla macchina , guardandomi indietro, penso di aver fatto una gran bella sciata apuana .
Mi chiama Roby, è al decollo a Borgo a Mozzano. Mi da la posizione ci si troverà là. Arrivo,  lo aspetto , atterrerà a breve . Si scherza, si ride, si pensa alla prossima insieme se si riuscirà con questo caldo.  Si va a prendere un birrozzo insieme ci mangio pure un bel panino.
Caffè e ci si saluta alla prossima grande Roby !

Segue - foto .
« Ultima modifica: Aprile 22, 2018, 02:57:11 pm da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #1 il: Aprile 21, 2018, 10:56:15 pm »
Fasi di preparazione




« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:08:43 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #2 il: Aprile 21, 2018, 10:58:27 pm »
Zona Rif. Rossi











« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:10:59 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #3 il: Aprile 21, 2018, 10:59:43 pm »
Il Traverso delle Preghierine





« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:11:41 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #4 il: Aprile 21, 2018, 11:01:37 pm »
Verso il Vallone







« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:12:07 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #5 il: Aprile 21, 2018, 11:02:53 pm »
La "Diretta" da sotto
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #6 il: Aprile 21, 2018, 11:04:28 pm »
Sulla Sommitale










« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:12:48 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Talebano78

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 184
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #7 il: Aprile 21, 2018, 11:09:05 pm »
Finalmente l'ho trasformato in un cinghiale apuano!!!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #8 il: Aprile 21, 2018, 11:10:52 pm »
Finalmente l'ho trasformato in un cinghiale apuano!!!
Mitico Roby
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #9 il: Aprile 21, 2018, 11:12:00 pm »
Linea seguita , non sono bravo a disegnare
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #10 il: Aprile 21, 2018, 11:12:35 pm »
Punto di partenza della discesa

 
« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:13:18 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #11 il: Aprile 21, 2018, 11:14:19 pm »
Ingresso Borra di Canala e varie Borra
















« Ultima modifica: Aprile 23, 2018, 10:14:02 am da Balena »
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline stefano4x4

  • Utente da pista blu
  • *****
  • Post: 510
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #12 il: Aprile 21, 2018, 11:41:07 pm »
Complimenti che avventura bellissimo il racconto il prossimo inverno spero di andarci anche io !

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #13 il: Aprile 21, 2018, 11:54:18 pm »
Complimenti che avventura bellissimo il racconto il prossimo inverno spero di andarci anche io !

Grazie!

Ho anche le tracce gps anche se la seconda ho perso probabilmente il segnale 

https://www.strava.com/activities/1521591451

https://www.strava.com/activities/1522114912
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 14.068
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Abetoneforum

Re:Solitaria Pania della Croce - per Il Vallone dell'Inferno -
« Risposta #14 il: Aprile 21, 2018, 11:55:49 pm »