Autore Topic: All'abetone mi piacerebbe ci fosse...  (Letto 8458 volte)

Offline orso nero

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 158
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #45 il: Aprile 03, 2019, 10:08:44 am »
ma qui siete matti.... a uno che paga il biglietto porta una sega ma proprio una bella sega a due mani se - pagato il biglietto - si trova le piste chiuse perchè il prossimo fenomeno sciistico deve allenarsi....

circolo del tennis te fissi un campo lo paghi in anticipo ti cambi bello tranquillo arrivi sul campo e trovi un campionicino in erba che si allena .... non ti inrazzi come una belva??? e magari seduta in panca c'è la mamma e l'allenatore del campioncino che si invarazzno pure se protesti...

andate tutti in cul* voi i paletti e la sciolina

sante parole!!

poi come sempre la soluzione sarebbe il buon senso (non dico la civiltà perchè non usa tanto...): se paletti il muro della seghi in vdl a bordo pista rimangono 20  di pista fruibile e nessuno si incazza...se paletti un vialino largo 2 m poi è logico che si incazza anche Gandhi...

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #46 il: Aprile 03, 2019, 10:31:13 am »
La montagna vive di tante cose. Io preferisco campi liberi ai paletti e famiglie ai garristi, ma ci sono anche loro e contribuiscono a tutto il resto. Pretendere lo skipass ridotto perché ci sono piste palettate, mi pare non ci stia come logica. Pretendere però che le piste ludiche siano chiaramente separate da quelle agonistiche (come peraltro sarebbe obbligatorio), mi pare invece il minimo che debba essere offerto. E se una stazione non può offrire la convivenza, bisogna che scelga: o chiude la stazione in toto o in parte ai turisti (e allora si può parlare anche del costo del giornaliero), o riduce lo spazio per gare e allenamenti per renderli compatibili con gli altri utenti e quindi aumentare la sicurezza dei fruitori.

Esperienze mie.
Al Corno hanno tre piste in croce. Tomba 1 aperta al pubblico, Tomba 2 chiusa al pubblico per allenamenti e passaggio obbligato (mancava solo il passaggio a livello …) vigilato per raggiungere le altre piste del comprensorio. Non è il massimo, ma già erano evitate le sovrapposizioni e i conseguenti rischi. Giornaliero intero.

Al Cimone durante i giovanissimi le piste 10 e 11 erano riservate per gare e allenamenti. Off limits per tutti. Il resto del comprensorio però era usufruibile senza sovrapposizioni (e con qualche ingarellato che era meglio se stava confinato in pista). Giornaliero intero.

All'Abetone sulle Coppi una aperta e una chiusa, o entrambe chiuse. Il resto del comprensorio era fruibile. Giornaliero intero.

Fatto così, non ci vedo niente di scandaloso. Se invece devo prendermi a male parole in una strettoia o in un passaggio obbligato perché lui deve fare il tempone e io bermi il birrino, allora la cosa non funziona più.

« Ultima modifica: Aprile 03, 2019, 10:49:08 am da Münchner Hell »

Offline orso nero

  • Utente da slittino
  • ***
  • Post: 158
  • Sesso: Maschio
    • snowborder
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #47 il: Aprile 03, 2019, 10:35:20 am »

Pretendere però che le piste ludiche siano chiaramente separate da quelle agonistiche (come peraltro sarebbe obbligatorio), mi pare invece il minimo che debba essere offerto.


tanto per cambiare, basterebbe applicare le regole!
vorrei vedere che casino succede se un tutina prende pieno un bimbo mentre fa i pali in una pista non chiusa ma tracciata...

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #48 il: Aprile 03, 2019, 10:45:33 am »

Tomba é stato un fenomeno però sciisticamente é nato a Cortina i suoi li anevano una casa, anche il fratello era molto forte.


Tomba sciisticamente e agonisticamente è nato tra Corno e Cimone (soprattutto), il suo mentore si chiamava "Paletta" ed era dello Sci CAI club di Modena.

 

Offline StayTuned

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 2.222
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #49 il: Aprile 03, 2019, 12:14:57 pm »
tanto per cambiare, basterebbe applicare le regole!
vorrei vedere che casino succede se un tutina prende pieno un bimbo mentre fa i pali in una pista non chiusa ma tracciata...
Fino ad ora hanno avuto sempre culo....
Ma prima o poi capitera' vedrai...

Offline StayTuned

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 2.222
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #50 il: Aprile 03, 2019, 12:18:35 pm »
ma qui siete matti.... a uno che paga il biglietto porta una sega ma proprio una bella sega a due mani se - pagato il biglietto - si trova le piste chiuse perchè il prossimo fenomeno sciistico deve allenarsi....

circolo del tennis te fissi un campo lo paghi in anticipo ti cambi bello tranquillo arrivi sul campo e trovi un campionicino in erba che si allena .... non ti inrazzi come una belva??? e magari seduta in panca c'è la mamma e l'allenatore del campioncino che si invarazzno pure se protesti...

andate tutti in cul* voi i paletti e la sciolina

Concordo su tutto.


Non tirare in ballo il tennis che tiri in ballo il baia.... e non ne esci....

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.728
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #51 il: Aprile 03, 2019, 01:10:57 pm »
Tomba sciisticamente e agonisticamente è nato tra Corno e Cimone (soprattutto), il suo mentore si chiamava "Paletta" ed era dello Sci CAI club di Modena.

la sapevo anche io così  ;) :)
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline Bimbone

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.722
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #52 il: Aprile 03, 2019, 01:14:51 pm »
Tomba sciisticamente e agonisticamente è nato tra Corno e Cimone (soprattutto), il suo mentore si chiamava "Paletta" ed era dello Sci CAI club di Modena.

No è stato allenato da Roberto Siorpaes di cortina

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #53 il: Aprile 03, 2019, 01:31:33 pm »
No è stato allenato da Roberto Siorpaes di cortina

Sì, questo lo dice anche wikipedia, ma te lo ripeto: Tomba nasce sciisticamente e agonisticamente nei primi anni 80; Alberto Marchi (Paletta) che era il Presidente dello Sci Cai di Modena lo notò e lo portò a sciare a Modena per i colori del club. E Paletta è stato a lungo il suo manager, mentore, amico e consigliere per quasi tutti gli anni 80. Le prime vittorie le ha ottenute tra le giovanili in Appenino (all'epoca usavano ancora anche la Calvanella a Pian del Falco). Ho la fortuna di conoscere un suo compagno di squadra dell'epoca, che per colpa sua arrivava sempre secondo. Così il mio amico invece che fare lo sciatore professionista, annichilito dalla Bomba, ha scelto di fare il metalmeccanico.  :D :D :D

Razzoli sciisticamente è nato in Appennino anche lui. Sul Cusna. Siccome fin da giovane pativa di mal di schiena, pare che il padre lo portasse sdraiato sul sedile anteriore reclinato fino a Febbio e da lì cominciasse i primi allenamenti. Qui però non conosco direttamente nessun numero due diventato metalmeccanico e quindi ve la vendo come me l'hanno detta.  ;)

Offline Balena

  • Divinità Montana
  • *********
  • Post: 13.728
  • Sesso: Maschio
  • ...Sometimes it's hard to believe you remember me
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #54 il: Aprile 03, 2019, 04:03:56 pm »


Razzoli sciisticamente è nato in Appennino anche lui. Sul Cusna. Siccome fin da giovane pativa di mal di schiena, pare che il padre lo portasse sdraiato sul sedile anteriore reclinato fino a Febbio e da lì cominciasse i primi allenamenti. Qui però non conosco direttamente nessun numero due diventato metalmeccanico e quindi ve la vendo come me l'hanno detta.  ;)

si , lo sapevo . mi pare abbia tipo il 48 o 49 di piede.
lo ricordo sullo Stadio primi anni 2000
"Dev’essere tremendo questo Abetone se il campionissimo viene di lì... " dal libro “Dove lo sci” di Rolly Marchi” edito nel 1967

Regno della Pervesità - meteorologo collaboratore di Giglio e spalatore delle carrozze reali e dintorni!

Offline zorro

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.347
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #55 il: Aprile 03, 2019, 04:10:27 pm »
Sì, questo lo dice anche wikipedia, ma te lo ripeto: Tomba nasce sciisticamente e agonisticamente nei primi anni 80; Alberto Marchi (Paletta) che era il Presidente dello Sci Cai di Modena lo notò e lo portò a sciare a Modena per i colori del club. E Paletta è stato a lungo il suo manager, mentore, amico e consigliere per quasi tutti gli anni 80. Le prime vittorie le ha ottenute tra le giovanili in Appenino (all'epoca usavano ancora anche la Calvanella a Pian del Falco). Ho la fortuna di conoscere un suo compagno di squadra dell'epoca, che per colpa sua arrivava sempre secondo. Così il mio amico invece che fare lo sciatore professionista, annichilito dalla Bomba, ha scelto di fare il metalmeccanico.  :D :D :D

Razzoli sciisticamente è nato in Appennino anche lui. Sul Cusna. Siccome fin da giovane pativa di mal di schiena, pare che il padre lo portasse sdraiato sul sedile anteriore reclinato fino a Febbio e da lì cominciasse i primi allenamenti. Qui però non conosco direttamente nessun numero due diventato metalmeccanico e quindi ve la vendo come me l'hanno detta.  ;)
Ma allora la storia che Tomba da ragazzetto vincesse poco o nulla è vera o è sole una leggenda metropolitana?
2014/15: 2 Stubai, 25 Abe, 7 S.ronda
2015/16: 31 Abe, 1 Doga, 1 Livigno
2016/17: 2 Stubai, 26 Abe, 2 S.ronda; 2 Andalo
2017/18: 24 Abe, 1 Stubai, 1 Kronplatz, 2 S.ronda, 1
Roccaraso
2018/2019: Abe 22, Doga 1, Selva 2, Cimo 1
2019/2020 M.di C. 2,

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #56 il: Aprile 03, 2019, 04:30:30 pm »
Ma allora la storia che Tomba da ragazzetto vincesse poco o nulla è vera o è sole una leggenda metropolitana?

Ahahah, Zorro. No, credo che tu mi abbia travisato. Ad arrivare secondo era il mio amico, proprio perché Tomba vinceva sempre e con distacchi imbarazzanti considerato anche la lunghezza delle gare. Infatti Tomba è diventato Tomba e il mio amico metalmeccanico  ;)

Poi se è stato sempre un fenomeno, non lo so. Però Paletta lo portò a Modena perché il giovanotto ci pestava dentro e ci sapeva fare ...

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #57 il: Aprile 03, 2019, 04:32:36 pm »
si , lo sapevo . mi pare abbia tipo il 48 o 49 di piede.
lo ricordo sullo Stadio primi anni 2000

Accidenti che fette … Non lo sapevo. Se ci montava le lamine poteva fare a meno degli sci ;)

Offline zorro

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.347
  • Sesso: Maschio
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #58 il: Aprile 03, 2019, 04:45:07 pm »
Ahahah, Zorro. No, credo che tu mi abbia travisato. Ad arrivare secondo era il mio amico, proprio perché Tomba vinceva sempre e con distacchi imbarazzanti considerato anche la lunghezza delle gare. Infatti Tomba è diventato Tomba e il mio amico metalmeccanico  ;)

Poi se è stato sempre un fenomeno, non lo so. Però Paletta lo portò a Modena perché il giovanotto ci pestava dentro e ci sapeva fare ...

No, codesto l'avevo capito. Quello che dicevo io è che si dice, e mi domando se sia vero o no, che da ragazzetto non fosse affatto un prodigio dello sci.
Vincere con distacco le gare all'Abetone non è un grande indice, mentre non mi risulta che da giovane abbia mai vinto importanti competizioni nazionali o internazionali. E' vero?
2014/15: 2 Stubai, 25 Abe, 7 S.ronda
2015/16: 31 Abe, 1 Doga, 1 Livigno
2016/17: 2 Stubai, 26 Abe, 2 S.ronda; 2 Andalo
2017/18: 24 Abe, 1 Stubai, 1 Kronplatz, 2 S.ronda, 1
Roccaraso
2018/2019: Abe 22, Doga 1, Selva 2, Cimo 1
2019/2020 M.di C. 2,

Offline Münchner Hell

  • Utente da pista rossa
  • ******
  • Post: 1.081
    • sciatore
    • Mostra profilo
Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #59 il: Aprile 03, 2019, 05:23:30 pm »
No, codesto l'avevo capito. Quello che dicevo io è che si dice, e mi domando se sia vero o no, che da ragazzetto non fosse affatto un prodigio dello sci.
Vincere con distacco le gare all'Abetone non è un grande indice, mentre non mi risulta che da giovane abbia mai vinto importanti competizioni nazionali o internazionali. E' vero?

Oddio. Che era un prodigio lo si è capito dopo. Ma siccome hai parlato di ragazzetto, vincere all'Abetone, al Cimone o al Corno e farsi notare nei circuiti giovanili è il naturale viatico. E' un'indice: si comincia da lì.

Comunque la prima gara "di grido" vinta è stata nel 1984 a 18 anni appena compiuti. A Milano, al parallelo di San Siro lui che era in squadra B le suonò a tutta la nazionale A di slalom. Prima aveva partecipato sia alla coppa Europa che agli juniores americani (quarto in slalom dice la biografia), ma non mi pare che abbia mai vinto nessuna competizione internazionale o nazionale di giovani promesse.

Abetoneforum

Re:All'abetone mi piacerebbe ci fosse...
« Risposta #59 il: Aprile 03, 2019, 05:23:30 pm »